SAN MARCO D’ALUNZIO – Aperto il tavolo tecnico sulla progettazione del “Teatro dei Normanni”

4

Si è svolto sabato 20 giugno, nella splendida cornice del Palazzo Congressi ed eventi Margherita di Navarra, il secondo incontro sul Piano San Marco 2020 con l’apertura del tavolo dei lavori sul Teatro dei Normanni. Dopo i saluti iniziali del Sindaco Amedeo Arcodia e il discorso del coordinatore del Piano San Marco 2020, si è passati all’intervento del prof. Salvatore D’Arrigo, incaricato della progettazione di IDEA, il Museo della Scienza e della Tecnologia, che sarà inaugurato a breve. La creazione del Museo Interattivo della Scienza e della Tecnologia è inserito, insieme alla riorganizzazione delle altre strutture, tra gli ambiziosi obiettivi del Piano per lo Sviluppo di San Marco. Prima di entrare nel vivo del tema “Perché investire in un teatro?” gli ospiti intervenuti al dibattito hanno avuto modo di immergersi nell’atmosfera greca, ammirando il Preludio di “Cassandra, o del Tempo divorato “ nell’interpretazione di Donatella Castrovinci.

Si è passati poi agli interventi dell’architetto Valeria La Spisa che ha realizzato, pro bono publico , la prima bozza di progettazione del Teatro dei Normanni, e di tutti i membri del Costituendo Comitato Scientifico Onorario per la Cultura, gruppi di esperti e appassionati di cultura, invitati a collaborare al Piano per lo sviluppo di San Marco d’Alunzio e di tutto il1 territorio dei Nebrodi. Tra gli interventi fuori programma, quello del Maestro Salvatore Crimaldi, che da anni, insieme ai suoi collaboratori e l’associazione Ars Vita Est, si propone di realizzare spettacoli musicali di elevato livello culturale, concerti ed eventi musicali con docenti di fama internazionale; egli ha espresso fortemente il desiderio che si realizzi per San Marco l’opportunità di un teatro e di una futura orchestra dei Nebrodi.

Si è dato poi avvio al dibattito, reso vivo dai numerosi interventi da parte dei partecipanti che hanno espresso pareri e opinioni favorevoli alla realizzazione del teatro, con nuove idee e proposte, nell’ottica di lavorare insieme per il bene del nostro territorio. Seguiranno altri incontri sulla progettazione del teatro che vedranno protagonisti gli addetti ai lavori. L’obiettivo comune a tutti sarà quello di continuare a portare alto il valore della cultura a San Marco d’Alunzio. Presente anche una delegazione dell’Associazione Agorà di Sant’Agata Militello.

“Si può fare teatro ovunque, purché si trovi il luogo in cui viene a trovarsi la condizione fondamentale per il teatro; deve esserci qualcuno che ha individuato qualcosa da dire e deve esserci qualcuno che ha bisogno di starlo a sentire. Quello che si cerca dunque è la relazione. Occorre che ci siano dei vuoti. Non nasce teatro laddove la vita è piena, dove si è soddisfatti. Il teatro nasce dove ci sono delle ferite, dei vuoti, delle differenze, ossia nella società frantumata, dispersa, in cui la gente è ormai priva di ideologie, dove non vi sono più valori; in questa società il teatro ha la funzione di creare l’ambiente in cui gli individui riconoscono di avere dei bisogni a cui gli spettacoli possono dare delle risposte. Quindi ogni teatro è pedagogia”. Jacques Copeau (regista, autore e attore francese, 1879-1949)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...